Tetti verdi o tetti viventi

I tetti viventi o tetti verdi, sono una soluzione bella ed ecologica per inserire un edificio nell'ambiente, e richiedono accurata progettazione.

I tetti viventi o tetti verdi mi affascinano da sempre. Ancora poco conosciuti in Italia, esistono da tempo nei paesi scandinavi, in Irlanda, e venivano impiegati negli Stati Uniti dai pionieri. Adesso stanno venendo riscoperti per il loro valore ecologico ed estetico.

tetto verde toscana

Tetto verde recentemente piantumato

Comunemente chiamati tetti verdi, sono coperti da una vegetazione adatta al luogo e alla profondità del substrato disponibile. Per cui non sempre sono verdi e raramente impiegano graminacee alte, mentre più spesso prendono tutti i colori delle succulente e piante xerofile che possono sopravvivere in strati sottili di terra.
NYC school tests

Prove di piante per tetti verdi in una scuola di New York

Un tetto verde è, in parole povere, un tetto coperto da substrato (terriccio e/o altro materiale) sufficente da sostenere vegetazione. Ecologicamente, contribuisce a portare vegetazione e biodiversità nei centri urbani, ridurre le polveri sottili e l'inquinamento.
capperi nei muri

Le vecchie mura sono ambienti ideali per capperi

Nel progettarli è importante conoscere il clima locale, ed adattare gli studi scientifici condotti in tutto il mondo alla vegetazione locale. Per integrare un tetto nel paesaggio è bene ispirarsi alla flora locale, perchè si troveranno sempre piante che possano sopravvivere in questo habitat apparentemente brutale.

green roof structure

Il tetto è coperto da vari strati e da una struttura su misura per tenere il terreno

La progettazione di un tetto verde è piuttosto complessa, perchè bisogna partire dal fondo, dalla struttura stessa che si vuole coprire, e calcolare che carico può tenere. L'intero tetto verde ha un peso notevole, che varia in proporzione alla profondità del substrato di coltivazione, di cui bisogna calcolare il peso da finito e a pieno carico di acqua. Per i calcoli e la costruzione mi appoggio a specialisti, in questo caso la ditta Grenfaim che mi accompagna nella costruzione di tetti verdi in Toscana.

Uno strato drenante è versato alla base

E' importante che il tetto sia disegnato e progettato su misura per la superficie da coprire, per motivi di sicurezza e di ecologia. Vengono presi in considerazione statica, pendenze, e il materiale della struttura sottostante - e se sbagli quello ti casca in testa il tetto. La scelta delle piante è quindi determinata dalla profondità del suolo disponibile, dalla sua composizione, e dall'esposizione del tetto - se sbaglio quello le piante muoiono. 

soil layer green roof

Le piante vengono messe in una speciale miscela di terriccio

Il grande valore ecologico di un tetto verde è perchè agisce come una enorme spugna, trattenendo parte dell'acqua piovana che altrimenti precipitando a terra contribuisce all'esosione del terreno e a riempire le fogne di città. Come una spugna, assorbe tutta l'acqua che può, e la rilascia lentemente a beneficio delle piante sopra, agendo come strato isolante. I tetti verdi riducono i consumi energetici abbassando la dispersione termica, rinfrescano le case d'estate e tenendole calde d'inverno. 

planting out green roof

Ci vuole una equipe affiatata per questo lavoro!

Nella struttura di un tetto verde ci sono vari strati a partire dal tetto. L'impermeabilizzazione è importantissima, per impedire infiltrazioni, e sopra a questa vanno tessuto geotessile e poi materiale drenante tipo leca. Il terriccio usato è un mix fatto su misura per le piante scelte, e tutto questo viene coperto da una pacciamatura di ghiaino che riduce la traspirazione ed impedisce la disseminazione di erbacce portate dal vento. Se a questo aggiungete il carico d'acqua capirete quanto può pesare!

green roof just planted

Il tetto appena finito

Appena piantumato il tetto offre già una vista piacevole ma ci vuole qualche mese perchè le piante si infittiscano. Nel primo anno va assolutamente annaffiato quando necessario. Un sistema di irrigazione è inutile e controproducente, basta bagnarlo con la sistola nei periodi più secchi. Ricordiamoci che è un giardino, ma sul tetto, quindi ci vuole del tempo perchè cresca, ed è essenziale fare manutenzione regolare nel primo paio d'anni. Ma non esiste soluzione più bella per integrare una costruzione nel paesaggio, specialmente se si tratta di un tetto che si vedrà dall'alto, per godersi lo spettacolo di un tetto che fiorisce e cambia colore con le stagioni, ospitando insetti e farfalle.

Copyright © 2018 Anna Piussi. All Rights Reserved. Text and images belong to Anna Piussi unless otherwise stated.